Perché vaccinarsi contro il COVID-19 senza avere paura degli effetti collaterali


Pubblicato da Raffo in Curiosità

Vaccino contro il coronavirus – MARTINA BIRNBAUM/ISTOCK

La vaccinazione contro COVID-19 (o meglio contro il SARS-COV-2) è finalmente iniziata in Italia. Sono molte le persone a rischio che saranno più protette da questa infezione grazie alla formula studiata dai ricercatori. Verranno salvate milioni di vite, quando fino ad ora sono morte a causa dell’infezione dallo scorso marzo.

La storia ci ha sempre dimostrato che i vaccini sono sicuri, funzionano. L’OMS è chiara: “La vaccinazione è un modo sicuro ed efficace per prevenire malattie e salvare vite umane, oggi più che mai“.

Attualmente abbiamo vaccini per proteggerci da almeno 20 malattie, tra cui difterite, tetano, pertosse, influenza e morbillo. Insieme, questi vaccini salvano tre milioni di vite ogni anno. Quando ci vacciniamo, non solo proteggiamo noi stessi, ma anche chi ci circonda.
Inoltre, se non ci vacciniamo a livello generale, corriamo il rischio di contrarre malattie gravi che possono essere invalidanti e fatali, come nel caso del COVID-19.

Uno dei maggiori timori della popolazione riguardo alla vaccinazione contro COVID-19 è che si tratta di un farmaco che è stato progettato in brevissimo tempo, è stato testato in poche persone e sul quale sono state descritte alcune reazioni avverse.
Era a metà dicembre quando, ad esempio, il Canada ha descritto tutti gli effetti avversi causati dal vaccino Pfizer BioNtech (attualmente inoculato in Italia) secondo i suoi studi clinici. Questi non vanno oltre qualsiasi reazione avversa che un vaccino regolare può causare: rossore o gonfiore nell’area della puntura, febbre, affaticamento, dolore muscolare o mal di testa, e sintomi che non tutti hanno sofferto e che generalmente sono passati dopo due giorni.

Perché allora dovremmo vaccinarci nonostante questi effetti collaterali che si stanno verificando e che potrebbero verificarsi nelle prossime settimane?
I vaccini hanno sempre provocato una reazione allergica in alcune persone, motivo per cui le persone che lo ricevono aspettano un lasso di tempo nel centro sanitario per essere osservati.
Con il vaccino COVID accadrebbe la stessa cosa che succede con i farmaci, come con gli antinfiammatori o gli antibiotici. Molte persone avranno avuto esperienza di qualche tipo di allergia con questi farmaci. In effetti, è una domanda comune nello studio del medico:”Hai allergie a qualche farmaco?“.

Le allergie non si verificano, soprattutto con i vaccini, nemmeno ora con quello per COVID-19. La causa delle possibili reazioni è negli eccipienti del vaccino.
Pertanto la vaccinazione non dovrebbe essere evitata nelle persone allergiche, tranne in quelle altamente sensibilizzate e che sono generalmente ben note ai servizi di allergologia. Nel resto dei casi e di chi soffre di allergie, non ci sono controindicazioni per ricevere il vaccino, né sono necessari studi precedenti.

I vaccini sono sicuri e finora hanno un alto grado di efficacia. Bisogna avere fiducia nella scienza perché non verrebbero mai prese misure che mettano a rischio la popolazione.
Il disagio che il vaccino può generare in 2-3 giorni non sarà mai paragonabile a quello che produce l’infezione e, naturalmente
non rappresentano un rischio vitale come la pandemia da COVID-19.

Qualsiasi vaccino, come qualsiasi farmaco, può causare effetti avversi, quindi sono necessari studi di pre-autorizzazione in cui è stato dimostrato che le reazioni avverse non sono frequenti.
Con la vaccinazione COVID-19, specialmente adesso che coinvolge una popolazione più vasta, verrà mantenuta la sorveglianza di queste reazioni.
Le persone che hanno avuto una reazione allergica dopo la prima dose non dovrebbero ricevere la seconda dose del vaccino.

Quindi il vantaggio della vaccinazione nell’evitare la malattia supera di gran lunga il possibile danno delle reazioni avverse rilevate. Ma il numero di persone che hanno ricevuto questo vaccino oggi è limitato (di poche migliaia di persone), quindi può darsi che reazioni che non sono state osservate durante gli studi precedenti dell’autorizzazione compaiano successivamente, e questo giustifica pienamente il proseguimento della sorveglianza post-autorizzazione, quando il vaccino è già in uso nella popolazione.

Per quanto riguarda la riluttanza di parte della popolazione dovuta alla velocità con cui è stata progettata una formula contro l’infezione COVID, è bene ricordare che ricevere il vaccino contro COVID-19 ha un duplice obiettivo: proteggere te stesso e, allo stesso tempo, creare una barriera nella comunità (immunità di gregge) che impedisce al virus di diffondersi liberamente come avviene in assenza di vaccinazione.
Quindi, sia dal punto di vista individuale che collettivo, è molto meglio essere vaccinati che soffrire della malattia, specialmente per alcune persone, per cui il COVID comporta gravi conseguenze (necessità di ricovero in ospedale, terapia intensiva, e rischio di morire).

E’ stato fatto un grande sforzo di ricerca per ottenere vaccini per combattere la pandemia COVID-19 e la disponibilità cambierà poiché i nuovi vaccini vengono autorizzati dopo aver dimostrato la loro efficacia e sicurezza, le opzioni di iniezione aumenteranno e, inoltre, sarà possibile stabilire indicazioni di quali vaccini sono preferibili per quali persone.

FONTE: Infosalus




Autore

Raffo

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele Cocomazzi e sono il cofondatore di BMScience. Sono appassionato di Scienza, Medicina, Chimica e Tecnologia. Diplomato presso l'ISIS "Luigi Di Maggio" di San Giovanni Rotondo (FG) con opzione Biotecnologie Sanitarie e studente di medicina presso l'Università degli Studi di Foggia. Se ti piacciono i miei contenuti lascia un commento ed aiutaci a diffonderli. Effettua una donazione su Paypal per contribuire alla stesura di nuovi articoli! Per contattarmi o maggiori informazioni seguimi su: Twitter o Facebook.




Tags

coronavirus covid COVID-19 eccipienti del vaccino effetti avversi efficacia immunità di gregge OMS persone allergiche Pfizer BioNtech reazioni avverse SARS-CoV-2 sicuri sorveglianza vaccinazione vaccino vaccino Pfizer BioNtech

Commenti