Fosforo Nero supera il Grafene nel campo dei Semiconduttori


Pubblicato da Stefano Cocomazzi in Tecnologia

Ci troviamo nell’era del silicio e lo scopo di scienziati e ingegneri è quello di creare semiconduttori sempre più efficienti, in modo da ottenere processori sempre più potenti.

Si pensava che il grafene, lo stesso materiale che si trova nelle mine delle matite, composto da uno strato monoatomico di Carbonio, potesse soppiantare il silicio nell’industria dei semiconduttori.

Tuttavia un team di scienziati della Pohang University of Science and Technology, nella Corea del Sud, proprio in questi giorni ha fatto una scoperta sensazionale.

Energy Gap-min

Clicca sull’immagine per ingrandirla

Questi ricercatori hanno riportato una banda proibita regolabile nel fosforo nero, che ne modifica le proprietà, modificandone lo stato, rendendolo un materiale con dispersione anisotropa ossia un semiconduttore.

Tutto ciò ha un grande impatto nella realizzazione di molti strumenti elettronici.
La possibilità di regolare l’energy gap permette agli ingegneri elettronici di ottenere un materiale con le proprietà desiderate.

Il grafene, ha una struttura bidimensionale di atomi di carbonio. Per questo motivo ha molte proprietà come ad esempio l’elevata resistenza. Inoltre non ha gap energetici, quindi si comporta come un conduttore anche con temperature estreme.

Il fosforo nero  è la forma più stabile dell’elemento presente in natura ed è un semiconduttore proprio come il silicio, ciò significa che, grazie alla banda proibita ridotta, si comporta da isolante in alcuni casi e da conduttore in altri. Questa proprietà consente al materiale di comportarsi come un interruttore che può essere acceso o spento. Anch’esso, proprio come il grafene ha una struttura cristallina bidimensionale.

Il vantaggio reale è che gli scienziati riescono a modificare il gap energetico molto facilmente, con la possibilità di creare dei transistor ad hoc.

Sebbene il silicio sia l’elemento più comune in natura, la sua forma pura, utilizzata nella fabbricazione dei semiconduttori, viene ricavata quasi esclusivamente mediante processi industriali.

Il fosforo nero d’altro canto è molto più comune. Ciò si potrebbe tradurre in un abbattimento dei costi.

Con il passare dei giorni arrivano sempre più scoperte sensazionali, che potranno modificare la nostra vita in maniera radicale.


Autore

Stefano Cocomazzi

Stefano Cocomazzi

Ciao a tutti, mi chiamo Stefano e sono il creatore e cofondatore di Bald Mountain Science. Sono un informatico con la passione per le scienze in generale. Se ti piace questo sito puoi supportarci seguendoci sui social e condividendo i nostri articoli con i vostri amici.



Tags

bande di valenza carbonio conduttore energy gap fosforo fosforo nero grafene isolante semiconduttori silicio transistor

Commenti