La differenza di pressione sanguigna tra le due braccia è correlata ad un maggior rischio di morte


Pubblicato da Raffo in Cardiologia

Misurazione della pressione sanguigna ad un paziente – ECLIPSE_IMAGES / ISTOCK

Un grande studio internazionale ha confermato che una differenza nelle letture delle pressioni arteriose tra le due braccia è correlata con un maggiore rischio di attacco cardiaco, ictus e morte.

I ricercatori, diretti dall’Università di Exeter (Regno Unito), hanno realizzato una meta-analisi di tutti i dati disponibili unendo 24 studi globali per creare un database di quasi 54.000 persone. I dati riguardavano adulti provenienti da Europa, Stati Uniti, Africa e Asia per i quali erano disponibili le letture della pressione sanguigna per entrambe le braccia.

Pubblicato sulla rivista scientifica “Hypertension“, lo studio è il primo a concludere che, maggiore è la differenza di pressione sanguigna tra le braccia, maggiore è il rischio aggiuntivo per la salute del paziente.

Attualmente, le linee guida internazionali sulla pressione sanguigna, consigliano agli operatori sanitari di misurare la pressione sanguigna in entrambe le braccia durante la valutazione del rischio cardiovascolare, ma questo viene ampiamente ignorato.
Il nuovo studio fornisce un nuovo limite superiore di “normale” che è correlato anche ad una differenza di pressione sanguigna tra le braccia, che è significativamente inferiore alle attuali linee guida. Pertanto, la ricerca potrebbe portare a un cambiamento nelle linee guida internazionali sull’ipertensione, il che significa che più pazienti a rischio potrebbero essere identificati e potrebbero ricevere cure che salverebbero le loro vite.

Lavorando con un gruppo consultivo di pazienti in ogni fase della ricerca, il team ha analizzato i dati sulla differenza di pressione sanguigna tra le braccia e ha monitorato il numero di decessi, attacchi di cuore e ictus verificatisi nella coorte a oltre 10 anni.

Il controllo routinario di un braccio e poi dell’altro con un misuratore di pressione sanguigna è poco costoso e può essere eseguito in qualsiasi ambiente sanitario, senza la necessità di apparecchiature aggiuntive o costose. Sebbene le linee guida internazionali attualmente raccomandino di farlo, viene fatto solo la metà delle volte, di solito a causa di vincoli di tempo. La nostra ricerca mostra che il poco tempo in più necessario per misurare entrambe le braccia potrebbe alla fine salvare vite umane“, spiega l’autore principale e medico di medicina generale Chris Clark della University of Exeter School of Medicine.

Sappiamo da molto tempo che una differenza di pressione sanguigna tra le due braccia è correlata a peggiori stati di salute. Il gran numero di persone coinvolte nello studio ci aiuta a capire questo in modo più dettagliato. Ci dice che più è alta la differenza di pressione sanguigna tra le braccia, maggiore è il rischio cardiovascolare, quindi è davvero fondamentale misurare entrambe le braccia per stabilire quali pazienti possono essere esposti ad un rischio significativamente più alto. I pazienti che richiedono un controllo della pressione sanguigna dovrebbero ora attendere che venga controllata in entrambe le braccia, almeno una volta“, aggiunge lo scienziato.

La pressione sanguigna sale e scende ciclicamente con ogni impulso. Viene misurata in unità di millimetri di mercurio (mmHg) e la lettura è sempre data da due numeri: la lettura superiore (sistolica) rappresenta la pressione sanguigna massima, e il valore inferiore (diastolico) è la pressione sanguigna minima. Una pressione sanguigna sistolica alta indica ipertensione, una condizione che colpisce un terzo della popolazione adulta ed è la principale causa mondiale di infarti, ictus e decessi evitabili.

Una differenza significativa tra le misurazioni della pressione sanguigna sistolica nelle due braccia potrebbe essere indicativa di un restringimento (stenosi) o indurimento delle arterie, che può influenzare il flusso sanguigno. Questi cambiamenti arteriosi sono riconosciuti come marker aggiuntivo di rischio per il successivo infarto, ictus o morte prematura e devono essere studiati per il trattamento.

I ricercatori hanno concluso che ogni differenza di mmHg rilevata tra le due braccia ha aumentato il rischio previsto a 10 anni di uno dei seguenti eventi dell’1%: nuova angina, infarto o ictus.

Al momento, sia le linee guida del Regno Unito che quelle europee riconoscono una differenza sistolica di 15 mmHg o più tra i due bracci come soglia indicativa di un rischio cardiovascolare aggiuntivo. Questo nuovo studio ha rilevato che anche una soglia inferiore di 10 mmHg era chiaramente indicativa di un rischio aggiuntivo, il che significa che molte più persone dovrebbero essere prese in considerazione per il trattamento se c’è una tale differenza tra le braccia.
A tal fine, il team di ricerca ha creato uno strumento di facile utilizzo per i medici per stabilire chi dovrebbe essere considerato per il trattamento in base al loro rischio, incorporando le letture della pressione sanguigna in entrambe le braccia.

Riteniamo che una differenza di 10 mmHg tra le braccia possa ragionevolmente essere considerata un limite superiore della norma per la pressione arteriosa sistolica quando entrambe le braccia vengono misurate in sequenza durante gli appuntamenti clinici di routine.
Queste informazioni dovrebbero essere incorporate nelle future linee guida cliniche e pratiche per la valutazione del rischio cardiovascolare.
Significherebbe che molte più persone dovrebbero essere prese in considerazione per un trattamento che potrebbe ridurre il rischio di infarto, ictus e morte“, conclude il professor Victor Aboyans, capo del dipartimento di cardiologia dell’Ospedale universitario Dupuytren di Limoges, in Francia.

Fonte: Infosalus




Autore

Raffo

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele Cocomazzi e sono il cofondatore di BMScience. Sono appassionato di Scienza, Medicina, Chimica e Tecnologia. Diplomato presso l'ISIS "Luigi Di Maggio" di San Giovanni Rotondo (FG) con opzione Biotecnologie Sanitarie e studente di medicina presso l'Università degli Studi di Foggia. Se ti piacciono i miei contenuti lascia un commento ed aiutaci a diffonderli. Effettua una donazione su Paypal per contribuire alla stesura di nuovi articoli! Per contattarmi o maggiori informazioni seguimi su: Twitter o Facebook.




Tags

arterie Chris Clark diastolica flusso sanguigno Hypertension ipertensione mmHg Ospedale universitario Dupuytren di Limoges pressione pressione arteriosa pressione sanguigna pressioni arteriose rischio cardiovascolare sistolica stenosi Università di Exeter University of Exeter School of Medicine Victor Aboyans

Commenti