Cosa accade ai polmoni quando smetti di fumare?


Pubblicato da Stefano Cocomazzi in Curiosità, Pneumologia

smoking, skull, danni, fumo, smettere di fumare

Grazie alle svariate campagne di sensibilizzazione sappiamo tutti benissimo quali danni il fumo può causare al nostro organismo, soprattutto ai polmoni.
Non tutto è perduto, però.
Molti degli effetti dannosi del fumo, fortunatamente, sono reversibili. 

Danni a Breve termine

Dopo aver fumato una sigaretta, le ciglia che si trovano nei polmoni rimangono paralizzate e smettono di funzionare. Il loro scopo è quello di tener puliti i polmoni da particelle esterne e muco. Quando le ciglia smettono di funzionare, questi si accumulano nei polmoni, intasandoli e causando la classica “tosse da fumatore”. Questo può portare anche alla formazione di infezioni e bronchiti croniche.

Alcuni giorni dopo l’ultima sigaretta, nei polmoni si formano nuove ciglia che andranno a ripulire tutto nel giro di poco tempo. La tosse dopo un po’ cesserà così come i rischi descritti prima.

La respirazione si farà migliore, niente più fiato corto. Questo perché le vie respiratorie non saranno più soggette a infiammazioni causate dalle particelle esterne.
Inoltre il fumo contiene dosi non trascurabili di monossido di carbonio. Questo gas, altamente letale, si lega all’emoglobina, al posto dell’ossigeno, rendendo i globuli rossi inutilizzabili.
Dopo aver smesso di fumare, si formano nuovi globuli rossi “sani” che potranno trasportare ossigeno in tutto il corpo.

Danni a lungo Termine

Abbiamo visto come il corpo si rigenera dai danni a breve termine. Tuttavia il fumo è molto pericoloso e causa problemi che non sempre possono essere curati. L’entità di questi danni è direttamente proporzionale alla quantità di sigarette fumate ogni anno.

Il cancro è uno dei maggiori rischi. Non si possono annullare i potenziali effetti delle sigarette fumate, ma smettere immediatamente riduce drasticamente le probabilità di contrarre il cancro ai polmoni, causato dalle sostanze chimiche dannose presenti nel fumo.

Oltre a questo, il fumo danneggia gli alveoli in modo permanente fino ad arrivare all’enfisema.

Queste condizioni possono iniziare pochi anni dopo aver cominciato a fumare, ma potrebbero manifestarsi solamente dopo 20 anni di “fumo accanito”.

In conclusione non è mai troppo tardi per smettere di fumare, ma prima lo si fa, meglio è.




Autore

Stefano Cocomazzi

Ciao a tutti, mi chiamo Stefano e sono il creatore e cofondatore di Bald Mountain Science. Sono un informatico con la passione per le scienze in generale. Se ti piace questo sito puoi supportarci seguendoci sui social e condividendo i nostri articoli con i vostri amici. Effettua una donazione su Paypal per contribuire alla stesura di nuovi articoli!



Tags

enfisema fumare fumo monossido di carbonio sigaretta smettere tosse

Commenti