Le domande che tutti si fanno – Perché piangiamo?


Pubblicato da Raffo in Curiosità, Psicologia sperimentale

Donna che piangeTutti abbiamo pianto almeno una volta, ma a quale funzione biologica serve, e perché gli esseri umani sono l’unica specie a versare lacrime di dolore e di gioia?

Quando si trattava di risolvere l’enigma della coda del pavone, i poteri di deduzione evoluzionistica di Charles Darwin non erano secondi a nessuno – più le loro piume appaiono stravaganti, ragionava, maggiore è la loro possibilità di attirare una femmina di pavone. Ma quando cercò di spiegare la propensione umana a piangere, Darwin si trovò a corto. Nel 1872 ha scritto: “Dobbiamo osservare il pianto come un fenomeno incidentale, senza scopo come la secrezione di lacrime dall’occhio dopo un duro colpo”.

In questo Darwin certamente si sbagliava. Negli ultimi decenni, gli scienziati hanno offerto diversi studi di come la capacità di lacrimare può aver dato ai primi ominidi un vantaggio adattativo. Questi vanno dalla teoria della scimmia acquatica, secondo cui le lacrime erano un adattamento alla vita di mare, alla nozione che sfocare la nostra vista con le lacrime può servire come una “bandiera bianca” ai potenziali aggressori – un segnale che il banditore è incapace di nuocere. Poi ci sono le teorie biologiche semplici, come ad esempio l’affermazione che le lacrime si siano evolute per mantenere l’occhio umido e privo di batteri nocivi.

Ma forse la teoria che gode di considerazione più ampia in questo momento è il concetto che le lacrime sono una forma di segnalazione sociale che si è evoluta in richieste di aiuto nei mammiferi – un chiaro segnale visivo in altre parole che qualcuno è nel dolore o in pericolo e ha bisogno di aiuto.

Vingerhoets non è l’unico pensatore che punta al significato sociale delle lacrime. Lo psichiatra John Bowlby tempo fa ha evidenziato il ruolo che ha il pianto nel generare legame tra madre e figlio, mentre il neurologo britannico Michael Trimble recentemente ha collegato il pianto all’umana capacità di empatia, da qui la nostra propensione a piangere durante la musica d’ispirazione.

Tuttavia, nel suo nuovo libro, “Perché solo gli uomini piangono“, Vingerhoets sostiene che nessuna di queste spiegazioni è sufficiente. Anche se a piangere oltre all’uomo ci sono scimmie, elefanti e persino cammelli, sembra che solo gli esseri umani producono lacrime di commozione, ed è solo negli esseri umani che il pianto si manifesta anche in età adulta. La sfida è quella di spiegare perché sia così, visto che le lacrime rischiano anche di segnalare la nostra presenza ai predatori.

Olimpiadi Londra 2012 PiantoFin qui, tutto bene. Ma naturalmente il pianto è associato non solo con il bisogno umano di attaccamento. Le lacrime possono essere anche morali, a significare la nostra simpatia con un’ingiustizia. Inoltre, come lo storico culturale Thomas Dixon fa notare, le lacrime sono a volte associati a gioia ed estasi, piuttosto che lutto e sofferenza – da qui le manifestazioni emotive di massa durante le Olimpiadi di Londra. Vingerhoets dice anche “Le lacrime sono meno importanti quando si è da soli, perché non c’è nessuno a testimoniare loro”

Più di qualsiasi altra forma di espressione emotiva, le lacrime sono anche soggetti ai cambiamenti dei valori storici e culturali, che simboleggiano la pietà, la sensibilità, l’isteria e la debolezza.
Come dimostrano le lacrime versate dai devoti monaci in contemplazione di Dio, si possono anche versare lacrime per figure di attaccamento lontane e altamente simboliche. Quello che conta, a quanto pare, è la sensazione che la nostra impotenza viene riconosciuta.




Autore

Raffo

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele Cocomazzi e sono il cofondatore di BMScience. Sono appassionato di Scienza, Medicina, Chimica e Tecnologia. Diplomato presso l'ISIS "Luigi Di Maggio" di San Giovanni Rotondo (FG) con opzione Biotecnologie Sanitarie e studente di medicina presso l'Università degli Studi di Foggia. Se ti piacciono i miei contenuti lascia un commento ed aiutaci a diffonderli. Effettua una donazione su Paypal per contribuire alla stesura di nuovi articoli! Per contattarmi o maggiori informazioni seguimi su: Twitter o Facebook.




Tags

John Bowlby lacrime lacrime di commozione Michael Trimble Perché solo gli uomini piangono piangere pianto propensione umana a piangere segnalazione sociale Thomas Dixon Vingerhoets

Commenti