VirScan, il nuovo metodo per ricavare informazioni di un’infezione virale con una goccia di sangue


Pubblicato da Raffo in Microbiologia

a-drop-of-299775_640Analizzando semplicemente una singola goccia di sangue, gli scienziati potrebbero dirti ogni virus con cui sei entrato in contatto. Questo nuovo metodo, scoperto dai ricercatori dell’ “Howard Hughes Medical Institute”, è chiamato VirScan e potrebbe rivoluzionare la diagnostica esistente.

I tradizionali test sanguigni, conosciuti come saggi di ELISA, sono in grado di individuare solo un patogeno alla volta e non sono ancora stati trovati test contro tutti i tipi di virus. A differenza di questi, Virscan può analizzare simultaneamente più di mille differenti ceppi di virus che hanno attualmente o precedentemente infettato una persona.

“Ciò che rende così unico questo test è la scala: in questo momento, un medico ha bisogno di supporre il virus che potrebbe essere l’agente patogeno e testarlo singolarmente. VirScan, invece, è in grado di individuare quasi tutti i virus, anche quelli più rari, con un singolo test” dichiarazione di Stephen Elledge.

Per lo studio, Elledge e la sua squadra hanno scoperto un largo numero di peptidi, dei brevi frammenti di proteine, derivati dai virus, utili per trovare le prove di un’infezione virale. Queste tecniche di screening sono state testate su 569 persone del Perù, Stati Uniti, Sud Africa e Thailandia.
Lo studio, pubblicato in Science, ha rilevato che in tutta la loro vita i partecipanti sono stati esposti mediamente a 10 diverse specie di virus.
Mentre i tassi dell’esposizione ai virus differivano per l’età, localizzazione geografica e stato sierologico, i ricercatori sono ancora in grado di identificare un piccolo numero di peptidi della grande maggioranza dei partecipanti. I ricercatori indicano che questo modello è importante per la comprensione del nostro sistema immunitario e di come una persona sembra essere esposta agli stessi peptidi.

Virscan potrebbe essere anche usato per indagare la relazione tra l’esposizione ad uno specifico virus e lo sviluppo di una determinata malattia in futuro. Per esempio è stato accertato che l’esposizione al virus Epstein-Barr, un virus comunemente studiato, in futuro può portare al cancro.
“Un’infezione virale può lasciare dietro una traccia indelebile sul sistema immunitario”, ha detto Elledge, “Avere un semplice e riproducibile metodo come VirScan può aiutarci a generare nuove ipotesi e comprendere l’interazione tra il viroma e il sistema immunitario dell’ospite, con implicazioni per una varietà di malattie.”




Autore

Raffo

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele Cocomazzi e sono il cofondatore di BMScience. Sono appassionato di Scienza, Medicina, Chimica e Tecnologia. Diplomato presso l'ISIS "Luigi Di Maggio" di San Giovanni Rotondo (FG) con opzione Biotecnologie Sanitarie e studente di medicina presso l'Università degli Studi di Foggia. Se ti piacciono i miei contenuti lascia un commento ed aiutaci a diffonderli. Effettua una donazione su Paypal per contribuire alla stesura di nuovi articoli! Per contattarmi o maggiori informazioni seguimi su: Twitter o Facebook.




Tags

HHMI infezioni peptidi saggi di ELISA sangue screening Stephen Elledge VirScan virus

Commenti