A caccia di sangue: come vivono le Zanzare | Introduzione


Pubblicato da Raffo in Zoologia

Mosquito biting humanSiamo in un periodo estivo e tu sei fuori nel tuo cortile a goderti il sole e le grigliate per cena. Ad un tratto senti un prurito, guardi il tuo braccio e vedi un gonfiore doloroso: una puntura di zanzara. Dopo alcuni istanti senti un’altra puntura. Ma che cosa sono questi insetti fastidiosi? Perché pungono? Portano malattie? Cosa si può fare per proteggersi?
In questo articolo osserveremo da vicino le zanzare – Come si riproducono, come pungono, quali malattie potrebbero portare e cosa si può fare per contenerle.

INTRODUZIONE:
Le zanzare sono insetti che sono in circolazione da più di 30 milioni di anni. Sembra che, in quei milioni di anni, le zanzare hanno migliorato sempre di più le loro capacità in modo che ora siano esperte nel trovare le persone da pungere. Le zanzare hanno una batteria di sensori progettati per monitorare le loro prede, tra cui:

  • Sensori chimici: le zanzare possono percepire l’anidride carbonica e l’acido lattico fino a 36 metri di distanza. I mammiferi e gli uccelli emanano questi gas come prodotti della normale respirazione. Alcune sostanze chimiche presenti nel sudore sembrano attirare le zanzare (le persone che non sudano molto hanno meno punture di zanzara).
  • Sensori visivi: se si indossano abiti che contrastano con lo sfondo, e soprattutto se ci si muove mentre si indossano questi abiti, le zanzare possono vedervi e concentrarsi su di voi. Capiscono che qualsiasi cosa in movimento è “viva”, e dunque piena di sangue, quindi questa è una buona strategia per trovare cibo.
  • Sensori di calore: le zanzare possono rilevare il calore, in modo che possano trovare mammiferi e uccelli a sangue caldo molto facilmente una volta arrivati abbastanza vicino a loro.

Questi sensori li fanno sembrare più degli aerei militari anziché insetti. Ecco perché le zanzare sono così brave a trovare e pungere le persone. Come vedremo in seguito, uno dei pochi modi per fermare le zanzare dalla ricerca del sangue è quello di confondere i loro recettori chimici con qualcosa come il dietiltoluamide (DEET).

Come tutti gli insetti, le zanzare adulte hanno un corpo che si divide in tre parti fondamentali:Parti Zanzara

  • Testa: il luogo in cui sono presenti tutti i sensori insieme all’apparato pungente. La testa ha due occhi composti, antenne per percepire le sostanze chimiche e le parti della bocca: i pedipalpi e la proboscide (solo le femmine hanno la proboscide, per pungere).
  • Torace: in questo segmento si collegano le due ali e le sei zampe. Contiene i muscoli del volo, il cuore e alcuni gangli delle cellule nervose.
  • Addome: questa parte contiene gli organi digestivi ed escretori.

Così le zanzare hanno una zona sensoriale, una zona motrice e una zona di elaborazione del carburante, un un design perfetto!

Osserveremo i diversi tipi di zanzara nel prossimo articolo. Resta aggiornato su #Acacciadisangue mettendo mi piace alla nostra pagina facebookseguendoci su twitter o google +.

a


Autore

Raffo

Raffo

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele Cocomazzi e sono il cofondatore di BMScience. Sono appassionato di Scienza, Medicina, Chimica e Tecnologia. Diplomato presso l'ISIS "Luigi Di Maggio" di San Giovanni Rotondo (FG) con opzione Biotecnologie Sanitarie e studente di medicina presso l'Università degli Studi di Foggia. Se ti piacciono i miei contenuti lascia un commento ed aiutaci a diffonderli. Per contattarmi o maggiori informazioni seguimi su: Twitter o Facebook.




Tags

acido lattico anidride carbonica calore dietiltoluamide puntura recettori chimici sensori chimici zanzare

Commenti