Come è fatto un vaccino e come funziona


Pubblicato da Raffo in Salute

VaccinoCome funzionano i vaccini.

I vaccini agiscono stimolando il nostro sistema immunitario a produrre anticorpi (sostanze prodotte dal corpo per combattere le malattie), senza che in realtà si manifesti la malattia.
I vaccini attivano il sistema immunitario a produrre i propri anticorpi contro la malattia, come se il corpo fosse stato infettato da essa. Questo è chiamato “immunità attiva“. Se la persona vaccinata poi entra in contatto con la malattia stessa, il suo sistema immunitario la riconoscerà e immediatamente produrrà gli anticorpi necessari per combatterla.
I neonati sono già protetti contro diverse malattie, come il morbillo, parotite e rosolia, perché gli anticorpi sono stati passati a loro dalla madre attraverso la placenta. Questo è chiamato “immunità passiva“. L’immunità passiva dura solo per un paio di settimane o mesi. Nel caso del morbillo, parotite e rosolia, può durare fino a un anno (che è il motivo per cui il vaccino MPR viene dato ai bambini solo dopo il loro primo compleanno).

Come sono fatti i vaccini.

Il primo passo da fare è quello di modificare l’organismo (chiamato patogeno) che provoca la malattia. L’agente patogeno è un virus o di un batterio. Virus e batteri possono essere prodotti in massa in laboratorio infettando cellule cresciute in coltura tissutale.
Il patogeno deve quindi essere modificato per garantire che non inneschi la malattia. Questo può essere fatto:

  • indebolendo, o “attenuando” il patogeno, facendolo crescere ripetutamente per selezionare un ceppo che è meno pericoloso. I vaccini MPR sono attenuati.
  • prendendo la parte del patogeno che causa la risposta immunitaria ed usandola nel vaccino. Il vaccino Hib è fatto in questo modo.
  • utilizzando la tossina che il patogeno prepara e disattivandola. Il vaccino Tetano è prodotto in questo modo.

Il patogeno trattato viene poi combinato con altri ingredienti, come stabilizzanti e conservanti, per produrre una dose di vaccino.

Measles virus particlesQuanto dura una vaccinazione.

In molti casi la vaccinazione fornisce una protezione permanente contro una malattia, ma questo può variare. La durata di vaccinazione dipende dalla malattia che essa protegge, dal vaccino, e dalla persona che è stata vaccinata.
Alcuni vaccini forniscono livelli molto elevati di protezione – per esempio, l’MPR fornisce una protezione del 90% contro il morbillo e la rosolia dopo una dose. Altri non sono efficaci. Il vaccino contro il tifo  fornisce circa il 70% di protezione in tre anni.

Come funziona un programma di vaccinazione

Quando viene introdotto un programma di vaccinazione, a tutti è offerto un vaccino specifico per cercare di ridurre il numero di casi di malattia.
I programmi di vaccinazione hanno lo scopo di proteggere le persone per tutta la vita. Essi spesso si concentrano su bambini piccoli, in quanto sono particolarmente vulnerabili a molte infezioni potenzialmente pericolose. Alcuni programmi di vaccinazione sono destinati a persone anziane o di altri gruppi a rischio.
Quando si inizia un programma di vaccinazione contro una malattia, il numero di persone che presenta la malattia scende. Ma, quando la minaccia si allontana, è importante mantenere la vaccinazione, altrimenti la malattia può iniziare a diffondersi di nuovo.
Se abbastanza persone in una comunità sono vaccinate, è più difficile per una malattia diffondersi tra le persone che non sono state vaccinate. Questo è chiamato “immunità di gregge“.
L’immunità di gregge è particolarmente importante nel proteggere le persone che non possono essere vaccinate perché sono troppo malate, o stanno ricevendo un trattamento che danneggia il loro sistema immunitario.

Vaccino per l'influenza o per la polmoniteL’eliminazione della malattia.

Quando quasi tutta la popolazione è vaccinata, la malattia a volte può scomparire del tutto e il programma di vaccinazione può essere arrestato, come è accaduto per il vaiolo.
Quanto più la malattia è infettiva, maggiore è il numero di persone che devono essere vaccinati per mantenere la malattia sotto controllo.
Il morbillo, per esempio, è altamente infettivo. Se i tassi di vaccinazione vanno giù, il morbillo si diffonderà di nuovo rapidamente.
Sappiamo che almeno il 90% dei bambini deve essere immune al fine di arrestare la diffusione della malattia. Se il 95% dei bambini sono protetti da MPR, è possibile eliminare non solo il morbillo, ma anche la parotite e la rosolia.


Autore

Raffo

Raffo

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele Cocomazzi e sono il cofondatore di BMScience. Sono appassionato di Scienza, Medicina, Chimica e Tecnologia. Diplomato presso l'ISIS "Luigi Di Maggio" di San Giovanni Rotondo (FG) con opzione Biotecnologie Sanitarie e studente di medicina presso l'Università degli Studi di Foggia. Se ti piacciono i miei contenuti lascia un commento ed aiutaci a diffonderli. Per contattarmi o maggiori informazioni seguimi su: Twitter o Facebook.




Tags

anticorpi immunità attiva immunità di gregge immunità passiva morbillo MPR parotite patogeno programma di vaccinazione rosolia sistema immunitario vaccini

Commenti