Le 10 cause principali di morte


Pubblicato da Raffo in Salute

Molte persone hanno paura di morire per causa di un fulmine o un attacco di squalo o per altri motivi che solitamente vediamo nei film di paura. Però la causa della nostra morte potrebbe essere diversa e meno evidente…
In base ad alcune statistiche americane, bald mountain science vi mostrerà quali sono le prime 10 principali cause di morte secondo il “Centers for Disease Control and Prevention“. I dati si basano sulle morti negli Stati Uniti nel 2007, l’anno più recente per il quale siano disponibili dati statistici.

10. Al decimo posto troviamo la Setticemia che nel 2007 ha ucciso 34.828 persone. Secondo il National Institutes of Healt, essa può derivare da infezioni in tutto il corpo, comprese le infezioni dei polmoni, dell’addome e delle vie urinarie. Il trattamento delle infezioni e la vaccinazione con l’Haemophilius, può aiutare a prevenire la malattia.

9. I disturbi renali, inclusi nefrite, sindrome nefrosica e nefrosi, nel 2007 erano responsabili della morte di 44,448 persone. La Nefrite è un’infiammazione dei reni che può essere causata da un’infezione o una reazione allergica ad un farmaco. La sindrome nefrotica è caratterizzata da un accumulo di proteine nell’urina. Le cause della malattia sono: infezione, reazione ai farmaci, cancro, disturbi del sistema immunitario, diabete o lupus. La nefrosi è un danno ai reni che può essere causato da farmaci antidolorifici, o condizioni croniche come il diabete, lupus o pressione alta.

8. L’influenza e la polmonite hanno ucciso 52,717 persone. L’influenza è una malattia respiratoria causata da un virus. Gli anziani, le donne giovani e in stato di gravidanza, sono particolarmente a rischio influenza. Un vaccino contro l’influenza stagionale, può aiutare a prevenire l’infezione. La polmonite si verifica quando virus o batteri causano un’infezione ai polmoni. Le persone che hanno più di 65 anni o meno di 5, sono ad alto rischio di contrarre la malattia.  La vaccinazione con l’influenza pneumococco, morbillo pertosse, varicella e Haemophilus influenzae di tipo b. I vaccini possono aiutare a prevenire l’infezione.

7. Il diabete ha portato 71,382 morti nel 2007. La condizione è caratterizzata da livelli anormalmente elevati di zuccheri nel sangue, e può portare ad un’insufficienza renale, cecità, malattie cardiache e amputazione degli arti inferiori, come i piedi.  I fattori di rischio sono: l’obesità, l’età avanzata, il mancare dell’esercizio fisico e il diabete familiare (nel caso in cui si ha un genitore con il diabete). Mantenere un peso sano e svolgere un regolare esercizio fisico, può ridurre il rischio di sviluppare la malattia.

6. L’Alzheimer ha ucciso 74,632 persone. La condizione è più comune negli anziani. La malattia è caratterizzata da problemi di memoria, linguaggio e pensiero e può rendere difficile svolgere le attività quotidiane. L’Alzheimer inizia a svilupparsi tipicamente circa all’età di 60 anni, e il rischio di malattia aumenta con l’aumentare dell’età. Quelli con una storia genetica di morbo di Alzheimer o di specifici caratteri genetici sono a rischio condizione. Secondo l’Associazione Alzheimer, riducendo il trauma cranico, mantenendo un cuore sano e un peso-forma, si può ridurre il rischio della malattia.

5. Gli incidenti e le lesioni volontarie hanno portato 123,706 decessi. All’interno di questa categoria, i “killer” più significativi sono stati: gli incidenti stradali, che hanno causato 42,031 morti; le cascate, 22,631 morti e gli avvelenamenti che hanno ucciso 29,846 persone. Gli incidenti automobilistici sono la causa principale di morte per i minori di 34 anni. Per le età da 35 a 74 anni, ci sono gli avvelenamenti intenzionali: gli overdose di droga provocano morti di incidenti stradali. Le cadute sono la principale causa di morte per infortuni per le persone che superano i 65 anni d’età.

4. Le malattie croniche dell’apparato respiratorio inferiore, sono un gruppo di malattie che colpiscono le vie respiratorie e i polmoni. Esse sono responsabili della morte di 127,924 morti. La più letale malattia cronica respiratoria inferiore è la broncopneumopatia cronica ostruttiva, che comprende la bronchite cronica e l’enfisema. La bronchite cronica è caratterizzata da gonfiore delle vie aeree all’interno del polmone, mentre l’enfisema è causato da sacche d’aria all’interno del polmone danneggiato. Entrambe queste condizioni rendono difficile la respirazione. Il fumo è il responsabile principale di queste malattie. Gli uomini che fumano hanno la probabilità di morire 12 volte maggiore rispetto agli uomini che non hanno mai fumato. Evitando il fumo e il fumo passivo, si può ridurre il rischio di questa condizione.

3. Gli ictus hanno portato la morte di 135,952 persone nel 2007. Questo fenomeno si verifica quando l’afflusso di sangue ad una zona del cervello è ostruito, causando la morte delle cellule cerebrali, o quando scoppiano vasi sanguigni del cervello. Questo può portare a paralisi, difficoltà a parlare e alla morte. I fattori che aumentano il rischio di questa malattia sono la pressione alta, il colesterolo alto, le malattie cardiache, il diabete, l’obesità, il fumo e bere quantità eccessive di alcol. Gli uomini hanno un rischio maggiore rispetto alle donne. Fare una dieta sana e attività fisica, può ridurre il rischio di ictus.

2. Tutti i tipi di cancro sono stati responsabili della morte di più di 562,800 persone. Esso si riferisce a una crescita cellulare incontrollata che può avvenire in diversi tipo di tessuto. I tumori più comuni negli uomini sono il cancro alla prostata, il carcinoma polmonare e il carcinoma del colon-retto. Nelle donne i più comuni sono il cancro al seno, quello polmonare e del colon-retto. Il cancro ai polmoni causa il maggior numero di morti tra uomini e donne, seguiti dalle donne con cancro al seno. Una combinazione di fattori ereditari e stile di vita possono contribuire al rischio di cancro. Smettere di fumare può ridurre il rischio di cancro ai polmoni e ai reni secondo l’Istituto Nazionale del Cancro. Inoltre, una dieta ricca di frutta e verdura non amidacee può ridurre il rischio di tumore alla bocca, all’esofago e allo stomaco. L’obesità è associata ad un aumento del rischio di diversi tumori, tra cui il cancro del colon-retto e dell’endometrio.

1. Le malattie cardiache sono state le prime cause di morte negli Stati Uniti nel 2007. Essa ha portato la morte di 616,067 persone, circa un quarto di tutti i decessi negli Stati Uniti. Ci sono molte condizioni che rientrano nella categoria delle malattie cardiache, tra cui la malattia coronarica: la più comune malattia cardiaca, e i problemi con il battito cardiaco. I fattori che aumentano il rischio di queste malattie sono l’obesità, il fumo, la pressione sanguigna alta, il diabete e il colesterolo alto. Abbassando il colesterolo e la pressione sanguigna, si può ridurre il rischio di morire a causa di una malattia al cuore.


Autore

Raffo

Raffo

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele Cocomazzi e sono il cofondatore di BMScience. Sono appassionato di Scienza, Medicina, Chimica e Tecnologia. Diplomato presso l'ISIS "Luigi Di Maggio" di San Giovanni Rotondo (FG) con opzione Biotecnologie Sanitarie e studente di medicina presso l'Università degli Studi di Foggia. Se ti piacciono i miei contenuti lascia un commento ed aiutaci a diffonderli. Per contattarmi o maggiori informazioni seguimi su: Twitter o Facebook.




Tags

Alzheimer avvelenamenti battito cardiaco broncopneumopatia cronica ostruttiva cancro Centers for Disease Control and Prevention diabete disturbi renali Haemophilius ictus incidenti infezioni influenza lesioni volontarie malattia coronarica malattie cardiache malattie croniche morire nefrite nefrosi polmonite Setticemia sindrome nefrotica tumori zuccheri nel sangue

Commenti