Le malattie esantematiche infettive


Pubblicato da Raffo in Patologie

Le malattie esantematiche sono malattie caratterizzate da eruzione cutanea (esantema) e febbre. Esse si manifestano più frequentemente nei bambini anche se possiamo trovarle nell’adulto con una gravità maggiore rispetto al bambino. La prevalenza nei bambini è dovuta a questioni immunologiche. Gli adulti in genere hanno già contratto queste infezioni nelle prime decadi di vita e quindi sviluppano immunità.

Lesioni elementari che possiamo trovare a carico della cute sono:

  • Eritema: arrossamento della cute, circoscritto o diffuso, indotta da vasodilatazione dei capillari arteriosi, scompare alla digitopressione, dimensioni e forma variabili;
  • Macula: lesione cutanea piana, caratterizzata da una modificazione del colore rispetto al resto della cute, non palpabile, in genere < 10 mm di diametro;
  • Papula: lesione solida, circoscritta, rilevata, dimensioni < 1 cm, di forma, colore e numero vario, determinata da un ispessimento localizzato dell’epidermide e/o da un infiltrato infiammatorio nel derma;
  • Petecchie: macule emorragiche determinate da stravaso ematico, dalla diffusione dei globuli rossi nel derma, non scompaiono alla digitopressione (a differenza dell’eritema);
  • Vescicola: piccola raccolta circoscritta di liquido (siero, sangue) (1-2 mm di diametro) in seno all’epidermide, a disposizione e colorito vario;
  • Pustola: raccolta circoscritta di essudato purulento in sede epidermica.

In base alle caratteristiche dell’esantema, si possono suddividere i principali esantemi infettivi in: esantemi prevalentemente maculo-papulosi, esantemi prevalentemente vescicolosi ed esantemi prevalentemente emorragici (esantema petecchiale).

Tra queste malattie esantematiche le principali sono: morbillo (1° malattia), scarlattina (2° malattia), rosolia (3° malattia), varicella (4° malattia), eritema infettivo (5° malattia), esantema critico (6° malattia) e malattia mani piedi-bocca.

La diagnosi è spesso difficile perché molte malattie esantematiche possono sovrapporsi. A tal fine è importante conoscere: il periodo di incubazione, i sintomi e segni prodromici, l’età del paziente, il suo stato di immunizzazione (vaccinazioni), la storia di contatto o esposizione, la distribuzione e la progressione dell’eruzione, l’evidenza del coinvolgimento di altri organi o apparati.




Autore

Raffo

Raffo

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele Cocomazzi e sono il cofondatore di BMScience. Sono appassionato di Scienza, Medicina, Chimica e Tecnologia. Diplomato presso l'ISIS "Luigi Di Maggio" di San Giovanni Rotondo (FG) con opzione Biotecnologie Sanitarie e studente di medicina presso l'Università degli Studi di Foggia. Se ti piacciono i miei contenuti lascia un commento ed aiutaci a diffonderli. Per contattarmi o maggiori informazioni seguimi su: Twitter o Facebook.




Tags

eritema infettivo esantema esantema critico esantema petecchiale maculo-papulosi malattia mani piedi-bocca malattie esantematiche morbillo rosolia scarlattina varicella vescicolosi

Commenti