Secondo quanto riportato da Reuters, l’aspartame, un dolcificante artificiale utilizzato in prodotti famosi come le bibite dietetiche Coca-Cola e le gomme da masticare, sarà dichiarato una possibile sostanza cancerogena o un cancerogeno dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Questa decisione potrebbe scatenare una disputa tra l’industria alimentare e gli enti regolatori.

Secondo il rapporto di Reuters, l’aspartame sarà inserito nella lista delle sostanze “possibilmente cancerogene per gli esseri umani” per la prima volta a luglio dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), l’organo di ricerca sul cancro dell’OMS,

La decisione dell’IARC, conclusa all’inizio di questo mese dopo una riunione degli esperti esterni del gruppo, mira a valutare se rappresenta un potenziale pericolo o meno, basandosi su tutte le prove già pubblicate.
Tuttavia, non tiene conto della quantità di prodotto che una persona può consumare in modo sicuro.

Decisioni simili prese in passato dall’IARC su diverse sostanze hanno suscitato preoccupazioni tra i consumatori riguardo al loro utilizzo, hanno portato a cause legali e hanno spinto i produttori a modificare le ricette e passare ad alternative. Ciò ha suscitato critiche secondo cui le valutazioni dell’IARC possono risultare confuse per il pubblico.

Anche il comitato dell’OMS sugli additivi alimentari, il JECFA, sta valutando l’utilizzo dell’aspartame da quest’anno. La sua riunione è iniziata alla fine di giugno e annuncerà le sue conclusioni lo stesso giorno in cui l’IARC renderà pubblica la sua decisione, il 14 luglio.

In passato, dal 1981, il JECFA ha dichiarato che l’aspartame è sicuro da consumare entro determinati limiti giornalieri. Ad esempio, un adulto che pesa 60 kg dovrebbe bere tra 12 e 36 lattine di bibita analcolica al giorno, a seconda della quantità di aspartame nella bevanda, per correre un rischio di sviluppare cancro. Questa visione è stata ampiamente condivisa dagli enti regolatori nazionali, compresi quelli degli Stati Uniti e dell’Europa.

Tuttavia, le decisioni dell’IARC possono avere un enorme impatto. Nel 2015, il suo comitato ha concluso che il glifosato è “probabilmente cancerogeno”. Anni dopo, nonostante altri organismi come l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) abbiano contestato questa valutazione, le aziende continuano a subire gli effetti della decisione. La società tedesca Bayer ha perso nel 2021 il suo terzo appello contro le sentenze dei tribunali statunitensi che hanno assegnato risarcimenti a clienti che attribuivano il loro cancro all’uso di erbicidi a base di glifosato.

Le decisioni dell’IARC sono state anche criticate per aver generato allarmismi ingiustificati su sostanze o situazioni difficili da evitare. In passato, ha inserito il lavoro notturno e il consumo di carne rossa nella classe “probabilmente cancerogeno” e l’uso di telefoni cellulari come “possibilmente cancerogeno”, così come sta succedendo per l’aspartame.

L’IARC non è un organismo per la sicurezza alimentare e la sua revisione dell’aspartame non è scientificamente esaustiva ed è basata principalmente su ricerche ampiamente screditate“, ha dichiarato Frances Hunt-Wood, il segretario generale dell’Associazione Internazionale degli Edulcoranti (ISA).
L’associazione, i cui membri includono Mars Wrigley, una divisione di Coca-Cola, e Cargill, ha affermato di avere “seri dubbi sulla revisione dell’IARC, che potrebbe confondere i consumatori”.

L’aspartame è stato oggetto di numerosi studi nel corso degli anni. Lo scorso anno, uno studio osservazionale condotto in Francia su 100.000 adulti ha mostrato che le persone che consumavano maggiori quantità di dolcificanti artificiali, tra cui l’aspartame, avevano un rischio leggermente più elevato di cancro, secondo il rapporto di Reuters.
Lo studio non è stato in grado di dimostrare che l’aspartame causasse un aumento del rischio di cancro, e sono stati sollevati dubbi sulla metodologia del secondo studio, anche dall’EFSA, che lo ha valutato.

L’aspartame è autorizzato per l’uso a livello globale dagli enti regolatori che hanno esaminato tutte le prove disponibili, e le principali aziende alimentari e delle bevande hanno difeso l’utilizzo di questo ingrediente per decenni. L’IARC ha affermato di aver valutato 1.300 studi nella sua revisione del giugno.

Le recenti modifiche alle ricette da parte del gigante delle bibite analcoliche PepsiCo dimostrano la difficoltà che l’industria incontra nel bilanciare le preferenze di gusto con le preoccupazioni per la salute. PepsiCo ha eliminato l’aspartame dalle bibite nel 2015, reintroducendolo un anno dopo e rimuovendolo nuovamente nel 2020.

L’inserimento dell’aspartame come possibile cancerogeno è inteso a stimolare ulteriori ricerche, secondo le fonti vicine all’IARC, il che aiuterà le agenzie, i consumatori e i produttori a trarre conclusioni più solide. Tuttavia, probabilmente riaccenderà il dibattito sul ruolo dell’IARC e sulla sicurezza degli edulcoranti in generale.

Lo scorso mese, l’OMS ha pubblicato linee guida che consigliano ai consumatori di non utilizzare dolcificanti non zuccherati per evitare di prendere peso. Le linee guida hanno scatenato una polemica nell’industria alimentare, che sostiene che tali dolcificanti possano essere utili per i consumatori che vogliono ridurre la quantità di zucchero nella loro dieta.

FONTE: Reuters

Avatar photo

Di Raffo Coco

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele Cocomazzi e sono il cofondatore di BMScience. Sono appassionato di Scienza, Medicina, Chimica e Tecnologia. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli studi di Foggia e attualmente MFS in Medicina Nucleare presso l'Alma Mater Studiorum (Università di Bologna). Per contattarmi o maggiori informazioni seguimi sui vari social.