Come organismo vivente, il corpo umano è una casa per milioni di microrganismi e batteri. Senza una visione microscopica, noi non possiamo vederli, a meno che non siamo aiutati dalla tecnologia. Se siete delle persone schizzinose, questo articolo fa per voi.

L’impronta nella piastra petri che sta provocando molto scalpore su internet appartiene al figlio di 8 anni di Tasha Sturm, un tecnico del laboratorio di microbiologia. Proprio lei nel “TODAY” ha detto:

“Questa foto è in parte utile per farci capire che i microbi sono ovunque”

pfGHTwY

Pubblicata nel “Microbe World“, l’impronta mostra le diverse crescite microbiche coltivate dalla mano del bambino dopo aver giocato all’aperto. Dopo averla fatta incubare per diversi giorni, il risultato è stato la crescita di lieviti, funghi e batteri.
Sturm condurrà ulteriori test per determinare cosa sono esattamente le diverse crescite. Lei crede che il grande cerchio bianco, nell’angolo in basso a destra (quello mostrato nell’immagine affianco), siano bacilli che spesso si trovano nella sporcizia. Ha inoltre notato che le macchie bianche possono essere Stafilococchi, quelle gialle e arancioni invece potrebbero essere lieviti.

Sturm coinvolge spesso i suoi bambini per gli esperimenti scientifici in casa. Molto spesso gli esperimenti hanno portato ad indagini interessanti coinvolgendo anche il cane di famiglia.

E’ importante ricordare  che la maggior parte di questi organismi sono innocui o addirittura benefici per la salute umana. Noi siamo costantemente rivestiti da diversi microrganismi, non importa di quanto tu sia pulito, ci sarà sempre la nostra pelle che farà di tutto per tenere fuori i più cattivi.

Image Credits: Tasha Sturm

[text-blocks id=”14550″ slug=”banner-adsense”]

Di Raffo

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele Cocomazzi e sono il cofondatore di BMScience. Sono appassionato di Scienza, Medicina, Chimica e Tecnologia. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli studi di Foggia e attualmente specializzando in Medicina Nucleare presso l'Alma Mater Studiorum (Università di Bologna). Per contattarmi o maggiori informazioni seguimi sui vari social.