La radiografia del torace rimane uno degli esami d’immagine più richiesti in Pronto Soccorso, soprattutto per i pazienti con sintomi toracici. Questo esame fornisce informazioni cruciali quando interpretato alla luce del quadro clinico del paziente, integrando una dettagliata anamnesi e confrontando eventuali radiogrammi precedenti per individuare nuove lesioni o l’evoluzione di reperti preesistenti.

Nel corso di uno studio del torace, vengono solitamente eseguite due proiezioni principali.

Proiezione Postero-Anteriore (PA)

La proiezione PA è eseguita con il paziente in posizione eretta, chiedendogli di fare una profonda inspirazione. La distanza fuoco-pellicola utilizzata (circa 1,8 m) è adeguata per ridurre al minimo l’effetto di ingrandimento geometrico del fascio di radiazioni. In questa posizione, il fascio di radiazioni incide sulla parete toracica posteriore, mentre quella anteriore è a contatto con il sistema rivelatore.

Proiezione Latero-Laterale (LL)

La proiezione LL è cruciale per ottenere informazioni dettagliate sui compartimenti mediastinici medio e posteriore, che possono essere meno visibili nella proiezione PA. Questa proiezione fornisce anche una definizione più precisa della sede anatomica di eventuali reperti. La proiezione LL è tradizionalmente eseguita con appoggio sinistro, il che significa che il lato sinistro della gabbia toracica è a contatto con il sistema rivelatore. Questo ha un effetto sulla visualizzazione delle strutture del torace: a causa della divergenza del fascio radiante, che è di forma conica, le strutture del lato destro appaiono apparentemente ingrandite rispetto a quelle del lato opposto.

Oltre alle proiezioni postero-anteriore e latero-laterale, ci sono altre proiezioni radiografiche del torace che trovano impiego nella pratica clinica per fini diagnostici specifici.

Proiezione Antero-Posteriore (AP)

La proiezione AP viene eseguita nei pazienti politraumatizzati o allettati, spesso con dispositivi portatili. Rispetto alla PA, il cuore si trova più vicino alla sorgente di radiazioni, causando un apparente ingrandimento dell’ombra cardiaca e della trama vascolare. È importante considerare questi fattori per evitare un errore di interpretazione come l’insufficienza cardiaca.

Proiezione in decubito laterale destro o sinistro (di Hessen)

Questa proiezione è utile per evidenziare versamenti pleurici o pneumotoraci. Nel caso del versamento pleurico, il paziente viene posizionato sul lato interessato, permettendo al liquido di adagiarsi lungo il profilo della gabbia toracica (vedi immagine). Per il pneumotorace, il paziente è posizionato sul lato opposto per facilitare la dispersione dell’aria contenuta nella cavità pleurica.

Particolare di un RX torace in proiezione PA che evidenzia una falda di PNX apicale sinistra.
RX torace in proiezione PA che mostra una abbondante falda di versamente pleurico destro.

Proiezioni oblique

Le proiezioni oblique sono utilizzate per differenziare una struttura radiologica da una normale, evitando sovrapposizioni e confermando la diagnosi o precisandone la localizzazione.

Radiografia in espirazione

RX torace in espirazione che mostra un pneumotorace sinistro.

Le radiografie in espirazione sono fondamentalmente utilizzate per tre sospetti clinici:

  • Pneumotorace: risulta più evidente in espirazione poiché il parenchima, con un contenuto aereo ridotto, appare più radiopaco e contrasta maggiormente con l’aria extrapleurica libera;
  • Intrappolamento aereo: le aree di intrappolamento aereo (ad esempio, in pazienti con enfisema polmonare) sono più evidenti in espirazione in quanto tendono a rimanere iperinsufflate anche durante l’espirazione, a differenza del parenchima circostante;
  • Patologia diaframmatica: è possibile identificare un’ipomobilità del diaframma osservando le sue escursioni durante l’espirazione.

Queste proiezioni aggiuntive sono preziose per una valutazione dettagliata del torace, consentendo ai medici di individuare e analizzare specifiche condizioni polmonari e mediastiniche con maggiore precisione. Integrando queste proiezioni nella pratica clinica, è possibile ottenere un quadro completo delle condizioni toraciche dei pazienti.

CARATTERISTICHE
POSTERO-ANTERIORE (PA)Il fascio radiogeno incide sulla parete toracica posteriore, mentre la parete anteriore poggia sul sistema rivelatore; viene effettuata in stazione eretta ed
in inspirazione profonda.
LATERO-LATERALE (LL)Si tratta generalmente di una LL sinistra; è utilizzata per valutare i compartimenti
mediastinici medio e posteriore e definire più precisamente la sede di un reperto.
ANTERO-POSTERIORE (AP)È utilizzata nei pazienti allettati; per ragioni proiettive si realizza un ingrandimento dell’ombra cardiaca pari a circa il 25% ed una magnificazione della trama vascolare.
DECUBITO LATERALEÈ utilizzata per identificare con maggiore facilità una sospetta falda di versamento pleurico o pneumotorace.
OBLIQUESono utilizzate per dissociare un reperto da una struttura anatomica, confermandone la diagnosi o precisandone la sede.
IN ESPIRAZIONEÈ utilizzata nel sospetto clinico di pneumotorace, intrappolamento aereo o
patologia diaframmatica

Fonte: Manuale di radiologia. Concorso Nazionale SSM.

Avatar photo

Di Raffo Coco

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele Cocomazzi e sono il cofondatore di BMScience. Sono appassionato di Scienza, Medicina, Chimica e Tecnologia. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli studi di Foggia e attualmente MFS in Medicina Nucleare presso l'Alma Mater Studiorum (Università di Bologna). Per contattarmi o maggiori informazioni seguimi sui vari social.