Nonostante il caldo di questi giorni, la terra oggi si troverà nel punto di afelio (più distante dal sole).

Infatti l’orbita terrestre non è perfettamente circolare, bensì ellittica e il sole occupa uno dei due fuochi, quindi d’estate la terra rallenta leggermente fino al punto di afelio, dove inizierà ad accelerare verso il perielio (punto più vicino).

Il momento di massima distanza si raggiungerà oggi alle 19:41 dell’orario universale, in Italia saranno le 21:41.

South_season
Un po’ di terminologia:  Il punto dell’orbita più distante dal corpo celeste centrale è detto Apoasse (dal greco apo che vuol dire lontano), nel caso del sole prende il nome di Afelio (dal greco elios che vuol dire sole). Il punto più vicino, invece, è detto Periasse (dal greco peri che significa intorno) e nel caso del Sole si chiama Perielio
Immagine: “South season” di Tauʻolunga – Opera propria. Con licenza CC BY-SA 2.5 tramite Wikimedia Commons – https://commons.wikimedia.org/

Un po’ di curiosità sull’orbita.

Forse può sembrare contro-intuitivo, ma durante l’inverno la terra si trova più vicina al sole, mentre l’estate si trova lontana. Tuttavia le stagioni non dipendono dalla distanza del nostro pianeta dalla stella, ma dall’inclinazione dell’asse. Durante la nostra estate (emisfero boreale) la terra è inclinata verso il sole, in questo modo i raggi solari arrivano perpendicolari, ed è per questo motivo che il sole si trova più alto nel cielo durante i mezzogiorno estivi. Durante l’inverno invece i raggi arrivano tangenziali. Ovviamente dipende dalla vostra posizione, visto che nell’emisfero australe le stagioni sono invertite.

Sapevi, inoltre, che l’orbita terrestre subisce continue variazioni?

A causa dell’azione dei campi gravitazionali della luna e degli altri pianeti, l’orbita terrestre subisce leggere deviazioni. Per questo motivo la durata di un’orbita completa, che noi chiamiamo “anno”, varia di volta in volta. Per questo motivo il 1 luglio si è aggiunto un secondo in più a tutti gli orologi.

Se vuoi saperne di più sulle leggi di Keplero che regolano il moto dei pianeti, leggi quest’altro articolo.

[text-blocks id=”14550″ slug=”banner-adsense”]

Di Stefano