La scintigrafia del diverticolo di Meckel è un test per l’identificazione della mucosa gastrica eterotopica nel diverticolo di Meckel, con elevata specificità e valore predittivo positivo (vicino al 100%) sia nei bambini che negli adulti. La presenza anomala di mucosa gastrica eterotopica nel diverticolo di Meckel è la causa più comune di emorragia gastrointestinale inferiore nei neonati precedentemente sani. Oltre il 50% di questi pazienti presenta sanguinamento entro i 2 anni di età.

Fonte: Radiologykey

Il diverticolo di Meckel (o ileale) è il residuo vestigiale del dotto onfalomesenterico (dotto vitellino) e rappresenta l’anomalia congenita più comune del tratto gastrointestinale, con un’incidenza del 1-3% nella popolazione generale. Si trova normalmente sul bordo antimesenterico dell’ileo terminale, a una distanza di 80-100 cm dalla valvola ileocecale (di solito a 30 cm), e ha una lunghezza media di 2 cm.

La maggior parte dei casi rimane asintomatica, ma possono svilupparsi complicazioni quando il diverticolo di Meckel contiene mucosa gastrica ectopica (57% dei casi).

La mucosa gastrica ectopica secerne attivamente l’acido cloridrico responsabile delle ulcerazioni mucose all’interno del diverticolo e sulla parete non protetta dell’ileo adiacente, provocando ostruzione, infiammazione (diverticolite) e perforazione. Una complicazione frequente è il sanguinamento gastrointestinale inferiore, che porta a episodi ripetuti di melena o ematochezia (sanguinamento per lo più indolore).

Quasi tutti i diverticoli dei bambini con sintomi di sanguinamento gastrointestinale inferiore contengono mucosa gastrica ectopica.

Radiofarmaci e tecnica

Per la ricerca della mucosa gastrica ectopica nel diverticolo di Meckel, si utilizza il 99mTc-pertecnetato a causa della sua secrezione fisiologica da parte della mucosa gastrica ed è perciò utilizzato per identificare i diverticoli di Meckel sintomatici, che spesso contengono epitelio gastrico eterotopico. In effetti, il tecnezio è un elemento del Gruppo 7A della tavola periodica degli elementi, ed è ragionevole supporre che la concentrazione gastrica di pertecnetato possa essere simile a quella del cloruro (dato che il cloro è un membro del Gruppo 7B). Questa ipotesi è supportata dalla correlazione osservata tra la produzione di acido e la clearance del pertecnetato.

È stato dimostrato che il 99mTc-pertecnetato è secreto anche dalle cellule epiteliali mucose. Queste isole mucose con un diametro superiore a 1 cm possono essere rilevate con quasi il 90% di accuratezza utilizzando gammacamere ad alta risoluzione.

Lo studio scintigrafico si basa sulla somministrazione endovenosa di 370 MBq (10 mCi) di 99mTc-pertechnetato negli adulti, mentre l’attività pediatrica minima è di 20 MBq.
Il paziente è posizionato supino e il campo di imaging (FOV) comprende l’addome e il bacino (per includere stomaco e vescica). Si ottengono immagini dinamiche dell’addome anteriore con un frame rate di 1 immagine ogni 30-60 secondi per almeno 30 minuti (in genere 60 minuti). Inoltre, si raccomandano immagini statiche aggiuntive (viste anteriori, oblique anteriori, laterali e posteriori) dopo dell’acquisizione dinamica.

Il diverticolo di Meckel viene visualizzato come un punto focale di captazione, che può essere localizzato in tutto l’addome. La mucosa ectopica di solito appare simultaneamente allo stomaco, ma è possibile un’apparizione ritardata, fino a 40-50 minuti, specialmente nei bambini più piccoli.

L’imaging SPECT (e soprattutto la SPECT/TC) può migliorare la rilevazione di un piccolo diverticolo o di un diverticolo oscurato dalla vescica urinaria quando il sospetto clinico per un diverticolo di Meckel è elevato e le immagini planari sono negative o equivoche.

Un bambino di 4 anni. Ematochezia negli ultimi 72 ore. Captazione focale nella scintigrafia dinamica con 99mTc-pertecnetato, confermando l’ipotesi diagnostica di mucosa gastrica ectopica nel diverticolo di Meckel.

Indicazioni cliniche

L’indicazione per la scintigrafia del diverticolo di Meckel è localizzare la mucosa gastrica ectopica in un diverticolo di Meckel come fonte di sanguinamento gastrointestinale inspiegabile. I diverticoli di Meckel sanguinanti si verificano di solito nei bambini piccoli.

La scintigrafia del diverticolo di Meckel dovrebbe essere eseguita quando il paziente non è in fase di sanguinamento attivo. Anche nei bambini piccoli, il sanguinamento attivo è meglio studiato mediante scintigrafia con 99mTc-RBC con emazie radiomarcate.

Si raccomanda il digiuno (4-6 ore) e la premedicazione con inibitori della secrezione gastrica (antagonisti H2 o inibitori della pompa protonica) durante le 12-24 ore prima dell’iniezione, per aiutare a ridurre il rilascio del radiofarmaco dalla mucosa gastrica, aumentando così il contrasto dell’immagine.

Fonte: Fondamenti di medicina nucleare. Tecniche e applicazioni.

Avatar photo

Di Raffo Coco

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele Cocomazzi e sono il cofondatore di BMScience. Sono appassionato di Scienza, Medicina, Chimica e Tecnologia. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli studi di Foggia e attualmente MFS in Medicina Nucleare presso l'Alma Mater Studiorum (Università di Bologna). Per contattarmi o maggiori informazioni seguimi sui vari social.