Cosa succede al nostro corpo quando ci arrabbiamo troppo?


Pubblicato da Cecilia in Curiosità

2642-man-angry-irritated

La rabbia è un sentimento umano molto comune ma con effetti negativi non solo alle persone intorno a noi, ma anche alla nostra salute. Monti studi infatti hanno dimostrato come arrabbiarsi molto frequentemente aumenta il rischio di malattie cardiache e compromette il benessere del nostro cervello.

Quando ci arrabbiamo la parte del cervello colpita si trova all’interno del lobo temporale ed è chiamata Amigdala. Essa controlla le emozioni e ci da la spinta a reagire in caso di stress, paura o sensazione di minaccia. In pochi millisecondi l’Amigdala è in grado di elaborale le informazioni pericolose che ci provengono dall’esterno e trasformarlo in istinto prima ancora di pensare a quello che si sta facendo.

7394261682_5983e52329_b

Al di sopra dell’Amigdala, all’interno del lobo frontale, si trova la nostra capacità di prender decisioni, di risolvere problemi e di gestire i nostri comportamenti; quando ci si arrabbia il sangue scorre velocemente verso l’Amigdala “oscurando” la parte razionale. (Molti consigliano di contare fino a 10 appena ci si sta accorgendo di fare qualcosa di cui potete pentirvene).
Successivamente le ghiandole surrenali producono adrenalina e cortisolo dando energia e forza al corpo per reagire. Questo provoca il defluire del sangue verso i muscoli che si preparano alla “lotta”, aumenta la pressione sanguigna e la temperatura corporea e il respiro diventa più affannato.
Una persona che si arrabbia molto frequentemente è maggiormente sottoposta a queste reazioni del corpo che non portano benefici: aumenta il rischio di infarto, di stress, di insonnia e di problemi digestivi. Uno studio su persone con frequenti attacchi di rabbia con ha messo in evidenza che sono soggetti a rischio di malattie coronarie molto di più rispetto a soggetti che si arrabbiano più raramente. Arrabbiandosi, inoltre, diminuisce la capacità del nostro corpo di produrre l’acetilcolina, un ormone che riesce a moderare gli effetti dell’adrenalina e quindi a ridurre gli effetti della rabbia.

Consigli per superare la rabbia

  • Prima di dire o fare qualcosa di cui potreste pentirvene, lasciate che la vostra mente si prenda il tempo necessario per affrontare la questione con la calma;
  • fate respiri profondi;
  • cercate di concentrarvi sulla soluzione del problema;
  • cercate di scaricare la rabbia con l’attività fisica che fa sempre bene alla salute;
  • imparate a sorridere anche nei momenti terribili;
  • soprattutto imparate a perdonare.

Questi consigli possono dare un aiuto importante ma nel caso in cui, nel lungo periodo, non portano a dei piccoli risultati, si consiglia di consultare un esperto. Inoltre arrabbiarsi ogni tanto non è poi così grave: può essere sintomo di una liberazione dallo stress quotidiano dandoci una scarica di adrenalina per ricaricarci o per cambiare qualcosa in noi stessi.

Fonti: http://dailyhealthpost.com/anger-negatively-affects-brain-and-heart/ ;




Autore

Cecilia

Cecilia

Ciao a tutti, mi chiamo Cecilia Stella, sono una scrittrice di questo sito e mi occupo di alcune rubriche. Ho conseguito il diploma presso Liceo Scienze Umane Opz. Economico-Sociale e sto conseguendo la laurea in Economia Finanza e Mercati. Sono un'appassionata di Scienza, Salute e Benessere. Spero che i miei articoli vi possano essere di aiuto. Clicca sul mio nome per leggere tutti i miei articoli e seguici sui social!



Tags

amidgala amygdala cervello infarto insonni malattie cardiache ormoni rabbia stress

Commenti